Home Cultura Al via il III° Corteo storico di Santa Margherita

Al via il III° Corteo storico di Santa Margherita

Molte le novità inserite nella rappresentazione storica

da Redazione
0 commento 279 visite

La proposizione di rievocazioni storiche, legate a personaggi ed eventi che hanno segnato la vita del territorio, rappresentano una opportunità importante per  far conoscere e valorizzare la nostra terra e la comunità, promuovere e rilanciare la conoscenza, in particolar modo per le nuove generazioni. L’intento è ricordare le gesta di uomini e donne del passato che hanno compiuto o costruito qualcosa di grande valore.

Quest’anno  – commenta Giusy Baldari, direttrice artistica dell’evento – abbiamo lavorato per apportare innovazione al nostro Corteo Storico di Santa Margherita, mi piace pensare che il nostro lavoro potrà portare anche cultura e conoscenza delle nostre radici alla comunità intera. Fino al 2019 abbiamo ripercorso solo un piccolo pezzo di storia in cui si è svolta la breve vita e la passione di S. Margherita V. e M.

Fu uno dei periodi più tristi e più turbolenti della Storia Romana, quali furono gli ultimi anni del III secolo ed i primi del IV dopo Cristo, anni determinanti che in un certo senso hanno cambiato la società dell’epoca. Ed  anche quest’anno ripercorreremo questo momento tanto importante del passato. Ma in questa terza anno edizione ci saranno delle novità!

Ripercorreremo la diffusione del culto di Santa Margherita in occidente, nello spaccato storico medievale, partendo dal trafugamento delle spoglie avvenuto ad opera di  padre Agostino da Pavia, un monaco benedettino, pellegrino andato in Oriente,  nel 908. Ritornando, fece tappa a Brindisi per poi proseguire per Montefiascone e da qui iniziò il culto in Italia e nel resto dell’occidente. Il tutto fu veicolato da pellegrini e crociati per tutto il medioevo.

Altro novità di quest’anno è la diffusione del culto a Latiano, partendo da Margherita de Alamo e il marito Francesco Francone, signori di Latiano dal 1511. Chiaramente la diffusione ha trovato terra fertile tra i discendenti della famiglia Francone, anche loro rappresentati e presenti nel corteo. Per finire i padri Domenicani diffusero nel 1600 la devozione per la fanciulla, portando all’elezione della Santa a Patrona e Protettrice di Latiano nel 1650.

Abbiamo cercato di aprire una finestra temporale per far rivivere allo spettatore quanto è successo nei secoli. Vi assicuro che non è stato e non è facile lavorare in questo periodo che stiamo vivendo, ma abbiamo voglia di  impegnarci con ancora più serietà ed energia, con la speranza che al più presto la situazione ritorni per tutti alla normalità.

Molti i gruppi artistici invitati: Gli Sbandieratori e Musici Città di Carovigno, Tamburini Medioevali del barone di Freganius di Fragagnano (Ta), i Timpanisti Fajanensis di Fasano, i gruppi storici di Conversano (Ba) e Cassano delle Murge (Ba) e l’ Accademia di Danza Sportiva Lively Dance di Latiano, che renderanno l’evento piu suggestivo ed emozionante.

Per chi non potrà partecipare all’evento, l’emittente radiofonica Idea Radio, trasmetterà in diretta sulle proprie pagine Facebook la rappresentazione

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

QuiLatiano – redazione@quilatiano.it
Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND