Home Politica Angelo Caforio spiega i motivi del ritorno all’opposizione

Angelo Caforio spiega i motivi del ritorno all’opposizione

da Redazione
0 commento 230 visite

Riflessioni di Angelo Caforio capogruppo di ConSenso Civico

È arrivato il momento in cui, dopo aver accolto l’invito del Sindaco e intrapreso una nuova esperienza politica, unitamente al gruppo politico ConSenso Civico – e mosso da un grande senso di responsabilità – ritengo necessarie e opportune, dopo oltre un anno, per etica politica alcune essenziali riflessioni.

Come è ben noto, il Sindaco ha chiesto nell’agosto 2021 collaborazione a tutte le componenti del Consiglio Comunale. La richiesta è stata accolta dalle attuali forze politiche che compongono la maggioranza, con l’esclusione del PD e della lista Siamo Latiano, rappresentata dal consigliere Dott. Matteo Conte,che ha sostenuto il candidato Sindaco Avv. Ruggiero. Dopo numerosi incontri è stato predisposto di comune accordo un programma indirizzato più nel senso amministrativo che politico, allo scopo di affrontare il delicato periodo post pandemico e, soprattutto, per le prospettive ed aspettative del PNRR.

Proprio in occasione del Consiglio Comunale del 29/11/2021, ho ribadito in modo chiaro e inconfutabile il mio preciso intento, precisando che la mia adesione al progetto, lungi dall’essere una delega in bianco era da considerarsi un’apertura di credito, che necessitava anzitutto di concretezza e, per tali ragioni, ho chiestoal Presidente del Consiglio di fungere da garante della nuova esperienza e ho dichiarato, come si evince dagli atti del Consiglio, testualmente che: Dalle parole bisognava passare ai fatti, ecco perché con senso civico e senso di responsabilità personale e di gruppo abbiamo deciso di PROVARCI”. Ed, ancora, ho precisato, che in caso contrario, in presenza di inadempienze programmatiche concordate e sottoscritte ovvero stasi amministrativa, saremmo tornati immediatamente al ruolo di minoranza come sancito dall’esito elettorale.

Con rammarico, devo constatare, che strada facendo quella parola PROVIAMOCIdichiarata con sincerità dal sottoscritto in Consiglio Comunale, purtroppo è svanita nel nulla e nel niente. Infatti, ritengo che il bilancio degli impeghi programmatici sottoscritti induce a considerazioni sfavorevoli. La macchina amministrativa è frenata, dai soliti decani della politica (limpidi, tanto buoni e tanto bravi all’apparenza, ma maliziosi e furbi).

Salvo alcuni settori, seguiti con abnegazione e tanto lavoro dalla Dott.ssa Vita Pepe e dell’Assessore Dott.ssa Maria Spinelli, grazie alle quali sono stati intercettati fondi del PNRR per l’innovazione tecnologica amministrativa e per la costruzione dell’asilo nido comunale. Per il resto c’è totale fermo amministrativo, anche dell’ordinaria gestione (basti pensare alla mancata attenzione per gli edifici scolastici, come dimostrano gli attuali e noti eventi).

Nonostante l’ampia maggioranza, almeno a livello numerico, persiste una scarsa forza collaborativa tra le sue componenti con la conseguenza che molti temi non vengono opportunamente valutati e discussi, anzi, sono stati del tutto accantonati, PUG; conclusione ampliamento del Cimitero (7 anni) e del campo sportivo (5 anni); nuovo piano del traffico; ripristino fontana piazza Umberto; realizzazione del canile sanitario e del dog park; rigenerazione urbana zona Niara e 167; rifacimento della palestra crollata della Scuola Bartolo Longo (5 anni); adeguamento ed ampliamento della zona PIP; realizzazione area mercatale; sicurezza edifici scolastici; efficientamento energetico;sostenibilità ambientale, ect. ect. tutti impegni sottoscritti.

L’unico argomento, del programma sottoscritto, che con solerzia è stato portato e discusso in Consiglio Comunale è stata la deliberazione per la costruzione del forno crematorio nel cimitero di Latiano. Ad onore del vero, con molta franchezza, devo dichiarare che su questo argomento c’è stata divergenza di posizione con diversi consiglieri di maggioranza. Nell’occasione il sottoscritto ha condiviso favorevolmente la mozione presentata dal consigliere Dott. Matteo Conte che ha chiesto un passaggio democratico con i cittadini con l’indizione di un referendum popolare per la decisione di costruzione del forno crematorio, mentre altri consiglieri volevano che tale decisione passasse solo dal Consiglio Comunale.

Ammetto – e dovremmo ammetterlo tutti – che non siamo stati in grado di cogliere nessuna opportunità utile dal PNRR e non siamo stati in grado di dare le giuste risposte alla nostra comunità, non riuscendo ad affrontare le necessarie incombenze.

Siamo così assenti dal territorio che non ci accorgiamo che i cittadini sono delusi, sconfortati e perdono progressivamente la loro già labile fiducia nelle istituzioni e nella politica.

Per tutte le considerazioni qui proposte e per rimuovere la fase di immobilismo, il gruppo che rappresento ha chiesto, una verifica dell’azione politico-amministrativa, tant’è vero che, il gruppo politico ConSenso Civico ha incontrato il movimento M’Impegno, gruppo maggiormente rappresentativo, e il Sindaco, per chiedere un urgente, decisivo e netto stravolgimento del modus operandi, tuttavia tutti i tentativi per smuovere l’immobilismo in cui l’amministrazione è piombata sono rimasti inascoltati, salvo pretestuosi e continui rinvii.

Dopo queste attente e modeste riflessioni che qui ho appena condiviso, ritengo a mio parere che, ad oggi, non sussistano più le condizioni per continuare l’esperienza intrapresa nel 2021. Contestualmente, sento il dovere di chiedere scusa ai miei concittadini ed ai candidati delle liste Saremo Noi, Latiano Protagonista, Siamo Latiano ed a quelli di ConSenso Civico che con il loro contributo ed entusiasmo hanno consentito l’elezione di 4 consiglieri comunali. Vera è stata la necessità e l’urgenza di affrontare il periodo post pandemico e assumere doverosaresponsabilità amministrativa, ma la fretta, non mi ha consentito di riflettere e di ponderare la decisione importante che si stava assumendo. Pertanto, oggi, devo ammettere, con tristezza, che all’atto dell’entrata in maggioranza ho preso la decisione, con superficialità e leggerezza, trascurato di portare avanti la proposta scaturita dallincontro con tutti i candidati della coalizione che hanno sostenuto a Sindaco l’Avv. Claudio Ruggiero, errore colossale per il quale faccio pubblicamente il mea culpa.

Mosso dallo spirito di responsabilità, che non mi ha mai abbandonato, comunico il mio ritorno al ruolo di consigliere di minoranza, togliendo il disturbo in punta di piedi e senza faziosità, con l’impegno di assolvere il mandato in modo costruttivo pronto a condividere ed approvare eventuali atti nell’interesse e per il bene di Latiano.

Con l’occasione auguro a tutti i miei concittadini latianesi i migliori auguri di Buone Feste e di ogni bene.

Il Consigliere Comunale Angelo Caforio

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

QuiLatiano – redazione@quilatiano.it
Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND