L’opposizione sul concorso nella Polizia Municipale

Riceviamo e pubblichiamo: LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE VI “ILLUDETE” DI PARTECIPARE
Avvio Procedura di mobilità e ANNULLAMENTO del CONCORSO per Istruttore Direttivo Specialista Di Vigilanza, da ASSEGNARE alla POLIZIA MUNICIPALE

L’Amministrazione Comunale di Latiano con delibera n. 1 del 7 gennaio 2020 approvava il piano triennale dei fabbisogni di personale per il triennio 2020-2021-2022 e predisponeva, quindi, bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di n. 1 Istruttore Direttivo, Specialista area di vigilanza, categoria D – Pos. Econ. D1, a tempo indeterminato e parziale per n. 18 ore settimanali. Al bando hanno partecipato 71 giovani laureati, molti dei quali latianesi.

Il Sindaco Maiorano, con cambio di rotta repentino, “sfruttando” – a proprio vantaggio – la normativa in materia di sicurezza sulla prevenzione dei contagi Covid, ha preferito, ricorrere alla procedura dello scorrimento della graduatoria di altri Enti – in dispregio del PRINCIPIO DI GIUSTIZIA SOSTANZIALE – e con deliberazione di Giunta Comunale n. 70 del 28 maggio 2021, ha avviato la procedura FACOLTATIVA (e non OBBLIGATORIA) di mobilità, mediante l’utilizzo di graduatorie di altri bandi di altri Enti. Con tale atto la Giunta Maiorano, seppur applicando principi normativi legittimi, ha sicuramente ELIMINATO LE ASPETTATIVE di tanti giovani partecipanti, che unitamente alle loro famiglie hanno fatto sacrifici per acquisire dei titoli di studio, utili alla partecipazione a bandi di concorsi, come quello bandito dal Comune di Latiano. Per tale motivo ed ispirati al principio secondo cui tutti devono essere messi nelle condizioni di poter partecipare ai concorsi pubblici e che la meritocrazia debba prevalere.

Come gruppo consiliare abbiamo sentito la necessità di richiedere la revoca dell’atto IN TUTELA DEI NUMEROSI RAGAZZI E RAGAZZE che, dopo anni di studio, speravano di poter partecipare al concorso di Istruttore Direttivo Specialista di Vigilanza, e magari di aggiudicarselo per merito. È il momento di compiere un passo in avanti e di iniziare a credere nelle nuove generazioni dando esempio e testimonianza partendo proprio da questi atti amministrativi.

Purtroppo, il Sindaco Maiorano (invitando i cittadini ad ascoltare attentamente il suo intervento in Consiglio Comunale del 9 luglio sull’argomento) nel quale ha affermato che nei concorsi pubblici c’è solo illusione di imparzialità, perché “intervengono fattori che inquinano i risultati”, forse lui e la sua maggioranza saranno avvezzi a tale modo di operare e, quindi, HANNO RESPINTO la nostra richiesta AFFOSSANDO DEFINITIVAMENTE le GIUSTE ASPETTATIVE dei GIOVANI, ai quali è stato detto dal Sindaco: che è inutile studiare, prepararsi e fare sacrifici, ma è importante trovare un padrino o santo protettore.

Se l’Amministrazione ritiene che i Giovani devono lasciare ogni speranza o aspettativa nella partecipazione ad un concorso pubblico, NOI RITENIAMO e CONFIDIAMO IN UNA GESTIONE DIVERSA DELLA COSA PUBBLICA, rivolta ai 13mila cittadini latianesi e NON IN TUTELA DELLE ASPETTATIVE DI UN SINGOLO o meglio per accontentare un singolo, così come stanno facendo il Sindaco e la sua maggioranza.

I consiglieri comunali
Claudio RUGGIERO, Lucia SALONNE, Matteo CONTE e Angelo CAFORIO,

editor

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *