Home Attualità Un gruppo di ragazzi della Scuola Secondaria di primo grado “Croce-Monasterio” Latiano (BR) visitano la Questura di Brindisi

Un gruppo di ragazzi della Scuola Secondaria di primo grado “Croce-Monasterio” Latiano (BR) visitano la Questura di Brindisi

da Redazione
0 commento 365 visite

“Un giorno in Questura” è stata definita dal gruppo di 38 alunni della Scuola Secondaria “Croce-Monastero” dell’Istituto comprensivo Statale Latiano che lunedì scorso, in occasione della giornata nazionale della legalità, ha trascorso una mattinata presso la Questura di Brindisi per conoscere il contributo e gli strumenti della Polizia di Stato nelle sue diverse attività di controllo del territorio e di prevenzione.
Un’esperienza coinvolgente, a trent’anni da quel terribile 23 maggio quando la vita della nostra Repubblica sembrò di colpo fermarsi come annientata dal dolore e dalla paura di fronte ad un agguato senza precedenti, in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani,
“La vità è bella”, ha detto ai ragazzi il neo Questore di Brindisi Antonino Gargano, parafrasando il celebre film di Roberto Benigni, “bisogna vivere con spensieratezza la vostra età senza lasciarvi attrarre da alcol, droghe e quant’altro. Dovete essere artefici del vostro futuro. I genitori hanno un compito fondamentale, così come lo è quello della scuola che, oltre a insegnare, educa. E poi ci sono le istituzioni che hanno il volto umano della protezione e sono ogni giorno impegnati con determinazione per il rispetto delle regole. Tutti insieme, quindi, possiamo aiutare i ragazzi a crescere e a costruire mattone dopo mattone il loro futuro, realizzando così quelli che sono i loro sogni e le loro aspirazioni. La legalità parte sempre dal comportamento di ogni singola persona, occorre imparare quotidianamente a rifiutare ogni tipo di atteggiamento che ci metta in contrasto con il principio della legalità: dire sempre ‘no’ anche quando è banale”.
Per i ragazzi è stato un momento importante, l’occasione di riflettere sul lavoro che giornalmente viene svolto dagli agenti della Polizia di Stato.
“Occorre investire sulla legalità”, ha poi concluso il Questore, “soprattutto per dare un futuro ai giovani. L’impegno nostro e delle istituzioni deve essere quello di tenere alti questi valori e trasmetterli alle nuove generazioni come collante del vivere civile. Agiamo per non lasciare soli i nostri cittadini e proteggere le nostre comunità”.
E’ stato il Commissario Eugenio Cantanna, dirigente della Sezione volanti, a dare il benvenuto ai ragazzi visibilmente emozionati di poter trascorrere una giornata per loro particolare ed insolita, guidandoli in un tour nel quale è stato loro illustrato il compito del poliziotto, che quotidianamente viene chiamato sul territorio per essere al servizio dei cittadini.
Gli studenti hanno quindi visitato la Sezione di Polizia Scientifica ed il “cuore” di ogni Questura: la sala Operativa, punto nevralgico per la gestione degli interventi della Polizia, per ogni situazione che coinvolga la sicurezza e l’incolumità delle persone, e qui sono state anche simulate alcune chiamate al 113.
E poi il laboratorio della Scientifica per vedere da vicino tutto il kit necessario per il rilevamento delle impronte digitali e delle foto segnaletiche, il poligono di tiro.
Infine l’incontro con un cane antidroga della Polizia di Stato, accompagnato dal poliziotto che la affianca quotidianamente.
Ai ragazzi sono state dimostrate le straordinarie abilità del pastore tedesco nell’individuare le sostanze stupefacenti, spiegando loro che, come accade anche per i cani addestrati alla ricerca e al soccorso in superficie o sotto le macerie, l’aspetto fondamentale è il senso della “squadra” ossia il perfetto affiatamento tra conduttore e cane poliziotto.
Contemporaneamente, nella Scuola Secondaria di primo grado “Croce-Monasterio” di Latiano gli studenti delle seconde classi hanno incontrato l’Ispettore della Polizia Postale Puglia -Sezione di Brindisi- Walter Lombardi e l’assistente capo Pietro Laudadio per parlare dell’attività che viene svolta dalla Polizia per contrastare i reati informatici.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

QuiLatiano – redazione@quilatiano.it
Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND